E SE IL TEMA RICORRENTE DELL’ARTE NEL NOVECENTO FOSSE QUELLO DI SFUGGIRE A UNA VITA INSIDIATA DALLA COLPA ORIGINARIA?

By Patrizia Rossato Mari

Posted in , , , | Tags : , , , , , , , , , , ,

In questi cupi giorni di fine novembre, due almeno sono le occasioni che fanno riflettere sulla psicosi come scaturigine di una parte dell’arte del Novecento e sulla psicosi come tema di rappresentazione della rimanente; raso al suolo il continente in mezzo secolo di catastrofi belliche (la seconda è diretta conseguenza della prima), la tragedia vissuta dagli artisti, spesso in prima linea, e la questione morale implicata nell’adesione a regimi totalitari fondati su violenza e razzismo, diventano infatti tema delle Avanguardie. La prima di tali chances è il lutto per la perdita di un grande Maestro del cinema italiano, Bernardo Bertolucci, di cui vogliamo citare almeno un’opera, “Il conformista”, tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia, girato per la Paramount nel 1970 dopo che un’amica gliene aveva fatto il riassunto e Bertolucci, letto il libro, l’aveva poi rielaborato in chiave personale colpito dalle assonanze con il percorso introspettivo da lui medesimo intrapreso sotto forma di terapia psicoanalitica. La seconda ci è invece offerta da una splendida mostra in corso al Museo d’Arte di Mendrisio (Svizzera) fino al 27 gennaio: una grande antologica di Max Beckmann, indiscusso Maestro dell’Espressionismo tedesco fuoriuscito dalla Germania quando, con l’ascesa del nazionalsocialismo e la stesura di un programma per la cultura volto al recupero di presunte radici etniche e territoriali cuore dell’identità germanica, la sua viene bollata come ‘arte degenerata’ ragione per cui fugge dapprima in Olanda, dove vive la sua stagione più creativa, e infine negli Stati Uniti.

Trattasi dunque, rappresentata con codici espressivi diversi, della stessa temperie spirituale, storica e politica. L’Europa sullo sfondo della quale si stagliano la torbida parabola esistenziale di Marcello, vittima di traumi infantili in cerca di espiazione, e la rappresentazioni atroci e parossisticamente deformate delle tele di Beckmann, è infatti una sola: quella che, all’indomani della Grande Guerra, ha visto alzarsi l’alba livida sulle macerie di imperi millenari e sui milioni di morti distesi lungo le trincee delle Ardenne o del Carso, sacrificati in nome della volontà egemonica ed espansionistica dei governi e delle elite dominanti. Non vi è redenzione possibile per tali crimini. Beckmann, caduto in grave esaurimento nel corso della guerra e incapace per molti anni di riprendersi dal trauma del fronte, secondo il quale atrocità e orrori, abiezione sociale e morale, si sono insinuati nel corpo stesso dell’artista, legge la realtà attraverso la lente della deformazione espressiva più violenta: ossessiva e tragica, una realtà ad alta intensità simbolica e scorciata in squadrature sempre più angolose e aggressive fa da quinta a scene di società, a ritratti torbidi e sensuali, a un’enigmatica quanto fantasmatica Brunilde cui è la moglie a prestare la fisionomia. La forte accentuazione cromatica e la brulicante proliferazione di un universo sconvolto, ripresi dalla pittura di Bosch, saturano la scena allegorica di un’angoscia paralizzante, di un male radicale, di materia deformata da un principio maligno di ordine spirituale .

Ma un’identica atrofia spirituale è quella che alligna nel ‘Conformista’ moraviano. L’ignavia qui si colora di sadismo, di ipocrisia, di affilata crudeltà; il male si è rimpicciolito nel vizio privato che l’immagine pubblica nasconde, nel delitto rimosso ma non del tutto che occorre sotterrare affinché abbia inizio una nuova esistenza nel solco del vigente ordine, nulla importa che questo abbia l’ideologia fascista quale pietra angolare. E pazienza se per espiare quello originario, un nuovo delitto, ancora più abietto poiché si tratta di tradire un amico, deve essere infine compiuto. Così ha inizio la tempesta perfetta: così l’intero arco del secolo si iscrive in una gigantesca genealogia del male, sia quello originato dalla volontà di potenza e annientamento sia quello lasciato in essere dal torpore delle coscienze e dal filisteismo dell’uomo comune, poiché, come ha rilevato Hannah Arendt, i totalitarismi per attecchire devono illudere i benpensanti di fare i loro interessi in un contesto dove l’interesse dell’individuo non oltrepassi il suo ‘particulare’. By PM

 

About The Patrizia Rossato Mari

Co-founder FormaEssenza, Research and Content Manager

9 Thoughts to E SE IL TEMA RICORRENTE DELL’ARTE NEL NOVECENTO FOSSE QUELLO DI SFUGGIRE A UNA VITA INSIDIATA DALLA COLPA ORIGINARIA?

  1. gamefly maggio 4, 2019 at 3:34 pm

    My family members every time say that I am wasting my
    time here at web, however I know I am getting experience daily
    by reading such pleasant posts.

    #
  2. gamefly maggio 6, 2019 at 1:14 am

    You really make it seem really easy along with your presentation but I in finding this topic to be really one thing which I feel
    I would by no means understand. It kind of feels too complicated and very
    large for me. I’m looking forward in your subsequent publish, I will attempt to get the grasp of it!

    #
  3. g maggio 10, 2019 at 8:03 pm

    Heya i’m for the first time here. I found this board
    and I find It really useful & it helped me out a lot.
    I hope to give something back and aid others like you helped me.

    #
  4. g maggio 11, 2019 at 6:12 pm

    My partner and I stumbled over here from a different website
    and thought I might as well check things out.
    I like what I see so i am just following you. Look forward to looking at
    your web page again.

    #
  5. g maggio 12, 2019 at 12:23 am

    I wanted to thank you for this great read!!
    I certainly enjoyed every little bit of it. I have you saved as a favorite to look at new stuff you post…

    #
  6. Hello! Someone in my Myspace group shared this website with us so I came to check it out.
    I’m definitely loving the information. I’m book-marking and will be tweeting this
    to my followers! Excellent blog and brilliant design.

    #
  7. download minecraft maggio 16, 2019 at 11:11 am

    Please let me know if you’re looking for a writer
    for your site. You have some really good articles and I feel I would be a good
    asset. If you ever want to take some of the load off, I’d really like to write some
    material for your blog in exchange for a link back to mine.
    Please shoot me an e-mail if interested. Regards!

    #
  8. how to download minecraft maggio 16, 2019 at 12:18 pm

    Aw, this was a really nice post. Finding
    the time and actual effort to produce a top notch article… but what can I say… I procrastinate a
    whole lot and never manage to get anything done.

    #
  9. I’m extremely pleased to uncover this website. I want to to thank you for ones time just for this fantastic
    read!! I definitely loved every little bit of it and I have you book-marked to look at new stuff in your website.

    #

Lascia un commento

btt